incendio amazzonia 2020

La tendenza nel 2020 è quindi molto preoccupante, dato che l’alta stagione per la deforestazione inizia solo a fine maggio. Negli ultimi giorni TG, giornali e siti Web non si fa altro che parlare dell'ondata di incendi che da inizio agosto ha colpito l'Amazzonia, la foresta pluviale più grande del mondo nonché uno dei più importanti scrigni di biodiversità del pianeta. Secondo il sistema di monitoraggio dell’Istituto nazionale per la ricerca spaziale (Inpe), ad agosto sono stati registrati 29.308 punti d’ La deforestazione nell’Amazzonia ha infatti raggiunto un nuovo massimo nei primi quattro mesi del 2020, secondo i dati diffusi dal National Space Research Institute (INPE) brasiliano, che utilizza immagini satellitari per monitorare la situazione. 20mila ettari di vegetazione inceneriti in Brasile per l’incendio in Amazzonia che sta devastando il nostro polmone naturale. Al momento sono in corso diversi incendi nella foresta pluviale amazzonica, come succede ogni anno nella stagione secca, tra luglio e settembre. La selva de la Amazonía en Brasil arde a una velocidad récord. C.F E P.IVA reg.imprese trib. Il peggior incendio mai avvenuto negli ultimi anni, come denunciano i giornali Brasiliani, è ancora in atto. Anche Leonardo Di Caprio ha sfogato tutta la sua rabbia sui social per quello che sta accadendo. Quest’anno, la tragedia si sta ripetendo. “In passato, quando abbiamo assistito ad un aumento della deforestazione, lo abbiamo sempre interpretato come l’inizio della cosiddetta stagione della deforestazione, per cui ci aspettiamo un aumento anche notevole in tal senso“. “Sfortunatamente, sembra che quest’anno dovremo aspettarci ancora più incendi e una deforestazione da record“, ha dichiarato Romulo Batista, attivista di Greenpeace. Scritto da. Nell'ultimo anno sono andati a fuoco più di 9mila chilometri quadrati, un incremento del 34% 09 dicembre 2020. I numeri sollevano nuove domande su quanto effettivamente il Brasile si sia prodigato per proteggere quella che è la più grande foresta pluviale del mondo, in particolare il presidente Jair Bolsonaro, notoriamente favorevole allo sfruttamento, anche intensivo, di zone protette a fini agricoli e minerari. E' vietata la riproduzione anche parziale degli articoli pubblicati in questo sito. 2 minuti (tempo di lettura) Un’estate di incendi: dalla Siberia alle Canarie, fino all’Amazzonia.Roghi che hanno occupato le prime pagine dei quotidiani per buona parte dell’estate, scuotendo le coscienze di tutti, ambientalisti e non, e provocando violente ripercussioni sul nostro ecosistema. Secondo i dati basati sulle immagini satellitari dell’Agenzia spaziale nazionale brasiliana (INPE), gli incendi si sono triplicati anche nel Pantanal, la più grande zona umida tropicale del mondo, considerata l’ecosistema con il maggior numero di specie di flora e fauna del pianeta. In pieno agosto, decine di migliaia di roghi sono stati segnalati, tanto da attirare l’attenzione dei media di tutto il mondo. Il rischio deforestazione non è una novità per il Paese. Negli ultimi mesi, oltre che in Amazzonia, gli incendi si sono triplicati anche nel Pantanal, la più grande zona umida tropicale del mondo. Il mese di agosto segna spesso l’inizio della stagione degli incendi, perché agricoltori e allevatori approfittano del clima più secco per incendiare gli alberi abbattuti nei loro terreni. Gli scienziati che utilizzano i satelliti della NASA per tracciare l’attività degli incendi hanno confermato un aumento del numero e dell’intensità degli incendi nell’Amazzonia brasiliana nell’anno 2019. Gli incendi in Amazzonia sono sia di origine umana, quindi dolosa, che spontanea: quest'ultima è dovuta alle modifiche del clima. Gli incendi che dall’inizio dell’estate stanno devastando il bacino del Rio delle Amazzoni, oscurando il cielo da San Paolo in Brasile a Santa Cruz in Bolivia, hanno scosso le coscienze in tutto il mondo. Leggi anche Incendi record in Amazzonia: sono il doppio dell’anno scorso Il polmone verde della Terra sta bruciando a un ritmo preoccupante: circa 40 mila incendi dall’inizio dell’anno hanno devastato la foresta amazzonica brasiliana, e la deforestazione avanza al ritmo di 3 campi di calcio al minuto. Un totale di 1.202 chilometri quadrati di foresta, un’area circa 20 volte più grande di Manhattan, sono stati spazzati via da gennaio ad aprile. Leggi anche Amazzonia: la deforestazione selvaggia non conosce lockdown. Incendio in Amazzonia: continua il bollettino di fuoco di agosto 2019. Tuttavia, il numero reale potrebbe essere più alto. Con il mondo intero concentrato sulla terribile pandemia di coronavirus, è passato completamente in secondo piano una ricerca secondo cui, quest’anno, la deforestazione dell foresta pluviale amazzonica è aumentata, sollevando timori per una seconda ondata di devastazione simile a quella da record dell’anno scorso, se non peggiore. Ma, rivela l’Inpe, nel 2019 il numero di roghi registrati e la gravità delle loro conseguenze hanno raggiunto livelli record. Incendio Amazzonia. Incendio en la selva amazónica: Causas, reacciones y todo lo que debes saber. Incendi in Amazzonia, le foto del disastro . Email ... 10 dicembre 2020. Un lasso di tempo enorme, tanto che circa ¾ delle emissioni totali viene prodotto solo quando le fiamme sono state domate. Sotto il governo Bolsonaro infatti, l’agenzia ambientale IBAMA ha patito tagli al personale e al bilancio, che ne hanno ostacolato grandemente l’attività. Sotto la pressione internazionale, Bolsonaro ha schierato l’esercito per reprimere la deforestazione e gli incendi. : 11835561009 - Autorizz. Nel frattempo, l’Osservatorio sul Clima ha sottolineato il fallimento dell’azione di Bolsonaro nel contrastare la deforestazione. Ma gli ambientalisti rimangono fortemente critici nei confronti del leader di estrema destra, che ha spesso espresso il suo scetticismo nei confronti dei cambiamenti climatici e che ha avviato nelle terre protette dell’Amazzonia brasiliana attività di estrazione mineraria e agroindustria. Twitter. La risposta è si, ma quest’anno, molte zone hanno sofferto più di altre. Una simile perdita, quasi dalle dimensioni del Libano, ha suscitato l’apprensione di tutto il mondo sul futuro della foresta pluviale, considerata vitale per frenare il cambiamento climatico. Gli ambientalisti hanno affermato che una soluzione potrebbe essere quella di fornire maggiore sostegno ai programmi di protezione ambientale del Brasile. We must #ActOnClimate and protect vital ecosystems. Lo stesso fece anche lo scorso anno, seppur dopo aver subito aspre critiche dall’intera comunità internazionale per aver minimizzato il problema degli incendi. Amazzonia in fiamme. La deforestazione in Amazzonia potrebbe colpire ancora più duro nel 2020. Tra gennaio e agosto 2019, il numero di incendi è aumentato del 145% rispetto allo stesso periodo del 2018. Non si fermano i devastanti roghi che sono divampati in Amazzonia e che stanno bruciando migliaia di ettari della foresta pluviale. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma con decreto n°159 del 28 nov. 2019, La deforestazione in Amazzonia potrebbe colpire ancora più duro nel 2020. Alla luce dei recenti sviluppi, gli scienziati si aspettano un aumento anche notevole del tasso di deforestazione dell'Amazzonia nel corso dell'anno. Secondo i calcoli dell'agenzia, il 38.228, ovvero il 52,5%, delle fonti di incendio registrate fino al 18 agosto, sono state rilevate negli stati dell'Amazzonia. 1428. Nonostante le garanzie del governo Bolsonaro, secondo l’agenzia spaziale INPE, nel mese di agosto l’Amazzonia brasiliana ha visto l’esplosione di ben 29.307 incendi, solo il 5,2% in meno rispetto ad agosto 2019. https://t.co/knm5MEAn7n, Lo pagheranno le generazioni future ( se ce ne saranno ). Secondo alcuni ambientalisti la responsabilità è addebitata ag… “L’inizio dell’anno non è il momento in cui si verifica normalmente la deforestazione, perchè la foresta è interessata da piogge molto intense e frequenti“, ha dichiarato Erika Berenguer, ecologa delle università di Oxford e Lancaster. Facebook. Eppure, il governo vuole tagliare il budget del Ministero dell’ambiente”. GreenTopic 30 Luglio 2020 “Umbria e Cactus”, la fiera delle piante grasse. 0. E adesso? Salva il mio nome, email e sito web in questo browser per la prossima volta che commento. Romulo Batista, portavoce del gruppo ambientalista Greenpeace Brasile, in un comunicato ha accusato Bolsonaro di stare smantellando le agenzie di protezione ambientale del Brasile: “l’anno scorso, le immagini dell’Amazzonia in fiamme hanno fatto notizia in tutto il mondo. Che orrore. ... Focus 14 Settembre 2020. La coltre di fumo è talmente vasta da poter essere vista persino dai satelliti, ed ha ormai raggiunto la città di San Paolo, a quasi 3.000 km dal luogo di origine dell’incendio. Redazione Greenious - 23 Agosto 2019. L’Amazzonia in pericolo. Consegnato al governo il testo finale dell’eMobility Festival, la cinque giorni nazionale promossa da Regione Lombardia, Cobat e gli altri attori della mobilita sostenibile, L'azienda Casale dei Pozzi ha realizzato dalle acque dei frantoi, l’Antioxy-oleum, un prodotto aromatico ricco di ricco di sostanze polifenoliche naturali e in gradii di esaltare la sapidità, Incendi nell’Amazzonia brasiliana: la situazione continua a peggiorare, Amazzonia: la deforestazione selvaggia non conosce lockdown, Bolsonaro ha schierato l’esercito per reprimere la deforestazione e gli incendi, Brasile, in controtendenza sulla produzione di gas a effetto serra, Taglio delle emissioni: la lotta per gli investimenti delle grandi società energetiche, Progetto CC-Ocean, in arrivo la prima nave cattura CO2, La deforestazione in Brasile si è mangiata un’area grande come l’Abruzzo, In Amazzonia, l’oro minaccia una riserva indigena su tre, MFR20: dal bio alla diversificazione, l’agricoltura mostra la sua resilienza, Il futuro della mobilità italiana? Da due settimane ormai imperversa nella zona di San Paolo in Brasile e nelle zone dell’Amazzonia e del Mato Grosso un gigantesco incendio. Leggi anche —> Foresta Amazzonica, il polmone verde di nuovo a rischio per gli incendi Amazzonia, incendi dannosi anche quando vengono spenti: effetti per oltre un secolo (Getty Images) Una volta domate, le fiamme dell’Amazzonia raggiungerebbero il loro picco di inquinamento dopo quattro anni, eppure i suoi effetti durerebbero per oltre un quarto di secolo. Ogni abuso sarà perseguito a norma di legge. All'interno della Maker Faire Rome 2020, Rinnvabili.it ha messo a confronto mondo imprenditoriale, della ricerca e delle associazioni di settore sul rapporto che oggi lega agricoltura ad ambiente, società ed economia. L’Amazzonia non è in fiamme. Leggi anche Brasile, in controtendenza sulla produzione di gas a effetto serra. Il picco di emissioni avviene 4 anni dopo che l’incendio si è estinto. Genovese, proteggere la nostra società e non rassegnarsi Guarda il video. (Rinnovabili.it) – Nel mese di agosto, il numero di incendi nell’Amazzonia brasiliana è stato il secondo più alto dell’ultimo decennio, scatenando un’ondata di condanne da parte delle organizzazioni internazionali a protezione dell’ambiente. Ad agosto, l’Amazzonia brasiliana è stata colpita da ben 29.307 incendi (Rinnovabili.it) – Nel mese di agosto, il numero di incendi nell’Amazzonia brasiliana è stato il secondo più alto dell’ultimo decennio, scatenando un’ondata di condanne da parte delle organizzazioni internazionali a protezione dell’ambiente.Ma non solo. Ma non solo. FOTO L'#Amazzonia brucia: da maggio più di 260 incendi nel polmone verde del pianeta. Cause climatiche unite ai roghi successivi di piromani hanno portato fino ad’ora alla distruzione di … L’istituto nazionale per la ricerca spaziale (INPE) ha rilevato che nel mese di luglio sono stati bruciati 225 mila ettari di foresta pluviale amazzonica, anche questo un dato senza precedenti, il triplo rispetto a quelli del luglio 2018. L’anno scorso, nel primo anno in carica di Bolsonaro, la deforestazione è cresciuta dell’85% nell’Amazzonia brasiliana, percentuale corrispondente a 10.123 chilometri quadrati di foresta. Bolsonaro, tuttavia, questa settimana ha schierato l’esercito in Amazzonia per combattere gli incendi e la deforestazione. È nella Carta di e_mob 2020, Eco-innovazione: il dado vegetale biologico che (ri)nasce dal frantoio, Fotovoltaico silicio-perovskite: efficienza al 29,15%, nuovo record mondiale. Al contrario di quanto pensino in molti, questi incendi non sono dovuti al riscaldamento globale: le temperature sono stabili e le precipitazioni poco sotto alla media. del Tribunale di Roma n° 257 del 18.07.05, Per favore inserisci il tuo indirizzo email qui. Gli incendi in Amazzonia del 2019 sono una serie di incendi boschivi accaduti in parte della foresta amazzonica, in America meridionale.. Secondo l'Istituto nazionale di ricerche spaziali (INPE) al 20 agosto 2019 si sono susseguiti 74 155 incendi nell'area della foresta amazzonica, segnando un notevole incremento rispetto ai numeri registrati nello stesso periodo del 2018 (circa l'83%). California, Argentina, Brazil, Siberia. In molti oggi si domandano come fa a bruciare una delle foreste più grandi e umide della Terra, dove gli incendi dovrebbero essere quasi sconosciuti. E continuano fino a 25 anni dopo l’evento. Nello stato brasiliano più colpito dell’Amazzonia, il giorno di picco è stato del 700% superiore alla media della stessa data negli ultimi 15 anni. Mentre stai leggendo questa frase, dall'altra parte del mondo il “polmone verde” della nostra Terra continua a bruciare. The world is on fire – and the consequences to the climate and our future are dire. Secondo l’INPE al 20 agosto 2019 si erano già susseguiti 74 155 incendi nell’area della foresta amazzonica. ©: Edizioni Condé Nast s.p.a. - Piazza Cadorna 5 - 20123 Milano cap.soc. Già in passato, gli esperti ambientalisti hanno lanciato l’allarme per l’Amazzonia in fiamme. Di Glenn Hurowitz, Mat Jacobson, Etelle Higonnet, and Lucia von Reusner. Il clima secco, tuttavia, favorisce la diffusione delle fiamme, una vol… Si è trattato di un aumento del 55% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In altri stati, la quantità di ceneri ad agosto ha raggiunto il livello più alto dal 2010. Flavia. L’anno scorso, il numero di incendi nella foresta pluviale del Brasile è salito di quasi il 200%, scatenando l’allarme mondiale per la devastazione della più grande risorsa vitale per frenare il cambiamento climatico. 2.700.000 euro I.V. Reading letterario e cena in vigna al Castello di Serravalle. © 2010 Rinnovabili.it C.F./P.IVA. El incendio forestal en Bolivia de 2019 hace referencia a una serie de incendios ocurridos entre julio y octubre de 2019, considerado como uno de los más graves desastres ecológicos en los últimos 10 años. Il rogo e l’immobilismo del Governo. stories.mightyearth.org. Ecomafia sempre attiva, viaggia al ritmo di 4 reati all’ora e... Pesticidi: anche quelli creati per salvaguardare le api, hanno effetti sub-letali, Amazzonia peruviana: le comunità indigene vogliono maggiore protezione.

Ristoranti Pesce Centocelle, Outfit Sinonimo In Inglese, La Respirazione Toracica Quando Si Attiva, Puccio Corona Figli, The Turning La Casa Del Male Cast, Cantare Le Note Alte, Resta Con Me Netflix, Liceo Musicale Come Funziona,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *